Movies Slider

The Amazing Spider-man

The-Amazing-Spider-Man
Written by Shonel

Finalmente un film come si deve!
Probabilmente un giudizio così netto non è il modo di iniziare un articolo cinematografico ma è la cosa principale che mi viene in mente ogni volta che mi chiedono un parere su questo film.

Nulla da togliere a Sam Raimi e alla sua trilogia, che hanno fatto da apripista alla nuova “Età D’oro” del cinema fumettistico, e a Tobey Maguire per la sua particolare interpretazione di Peter Parker (qualcosa da ridire su Kirsten Dunst come Mary Jane l’avrei, visto che non aveva la stessa prorompenza della sua controparte fumettistica sembrando anzi abbastanza scialba), ma mi davano la stessa sensazione dei due Batman di Tim Burton: Bei Film avvincenti ma farzoneschi.
Per fortuna non c’erano le ambientazioni gotiche ma una new York odierna, però il taglio e gli effetti tipici di Raimi c’erano tutti.
E chi ha visto L’Armata delle Tenebre o Xena ha capito di cosa stia parlando.

Questo reboot ad opera di Marc Webb finalmente mostra un Uomo Ragno “realistico” nel modo di essere ma sopratutto nei movimenti degli attori non in CGI (in quello di Raimi si capiva sempre perfettamente se Spidey atterrasse su materassi e venisse tirato da corde perdendo il momento dinamico del salto) e ben contestualizzato in una New York attuale.
Convincente anche Andrew Garfield che riporta fedelmente il Peter Parker dell’universo Ultimate, abbastanza imbranato, nerd al punto giusto ma non uno sfigato cronico.
Unica cosa che ancora mi fa storcere il naso, come nella saga precedente, è l’auto realizzazione del costume dal materiale iper-tecnologico che ogni adolescente trova in casa, no?
Almeno stavolta giustificano la cosa in un modo leggermente più credibile (ma mai come in Kick-Ass).

Zio Ben (Martin Sheen) e Zia May (Sally Field) finalmente non sembrano due cariatidi bacchettone pronte per la bagina ma un paio di arzilli anzianotti che forse un giro a Woodstock devono averlo fatto.
Rhys Ifans non posso commentarlo nemmeno: lo amo a prescindere, qualunque ruolo lui faccia ed il suo Curt Connors è convincente come anche Lizard al quale ha prestato pose e movenze poi digitalizzate.

E poi lei, Emma Stone.
Bellissima, ma sopratutto la sua Gwen Stacy: una ragazza dal carattere forte, un osso duro esattamente come nei fumetti e (concedetemi la licenza) con due palle così!

Passando agli effetti visivi, alla prima visione (dalla seconda non lo so) non si riesce a distinguere tra realtà e CGI, esattamente come succede in Iron Man.
Ovviamente questo è coadiuvato dalle molte scene scure o notturne in cui compaiono eroe e antagonista, ma anche nell’unico alla luce del sole c’è da dire che lo stacco tra realtà e computer graphics non si nota.
Bellissima è l’inquadratura in prima persona (e 3D) dove per un paio di sequenze lo spettatore stesso diventa un Testa-di-Tela svolazzante tra i grattacieli della Grande Mela!

Forse sarà per l’entusiasmo provato nel vederlo o per la mia passione, nata nell’adolescenza, del personaggio ma questo The Amazing Spider-man viene da me promosso a pieni voti; e non sono l’unico a pensarla così visto il successo ai botteghini di tutto il mondo.

Da vedere assolutamente.

(Fonte Immagini: L’Internet)

About the author

Shonel

Mi occupo da tempo di Digital, Web & Social Media Marketing e docente di quest'ultimo per conto di HTML.IT

Porto il tutto avanti con la mia attività di consulenza: Shonel Consulting.

Articolista, Recensore di software & Hardware e quando serve presenzio a qualche evento...

Ma non solo:

Istruttore di nuoto, appassionato di Cinema, Serie TV, Tecnologia e Musica.

Ultimamente mi hanno anche chiesto di organizzare degli eventi...

Powered by themekiller.com